15 mar 2018

SYRIA, una dolcezza, un amore


La mia storia con Syria inizia il giorno 11 novembre 2015. 

Syria era una cagnolina in cerca di adozione, abbandonata in un gabbione con due occhi che ferivano il cuore. Il suo sguardo somigliava tanto a quello della mia cagnolina Chicca che volò in cielo nel 2007 e fu per questo che decisi di adottarla.

La sera di quel freddissimo 11 novembre 2015 insieme alla mia amica Lucia andai a prenderla ... Lei era lì, sofferente in quel gabbione troppo grande per quel corpicino così piccolo, ma non appena mi avvicinai con mille salti dimostrò tutta la sua gioia! Aveva capito che l'avrei portata con me. Quando aprii la gabbia si buttò tra le mie braccia come se mi avesse attesa  da tempo ... che emozione indescrivibile! 


Andammo via subito per non ricordare più quel posto e per festeggiare il suo nuovo ingresso in famiglia, pizza e birra per me e Lucia, biscottini per Syria e Chicca, la cagnolina della mia amica che felicissima la seguiva ovunque. 


    
Il mattino seguente l'attendeva un bel bagnetto e un bel cappottino. Syria tranquilla e felicissima di farsi bella e di mostrarsi in tutto il suo splendore. Era molto vanitosa! Le piaceva viaggiare in auto e guardarsi intorno.


In serata appuntamento dal veterinario. Dopo una visita approfondita e analisi cliniche, Syria risultò incinta e la data del parto venne prevista per i primi giorni di dicembre. A tutto questo si aggiunse una erlichia abbastanza importante mentre dall'esame ecografico oltre alla gravidanza in stato avanzato si evidenziavano piccoli pallini di arma da fuoco, nella zona del torace e intorno alla coda che comunque non avrebbero causato nessun problema per fortuna.   

Ero molto preoccupata perchè mai avevo avuto una cagnolina prossima al parto. Mi sentivo impreparata di fronte a quanto sarebbe accaduto ma decisi di affrontare tutto con estrema calma senza farmi afferrare da mille preoccupazioni.  


Il giorno del parto arrivò senza che neanche me ne accorgessi. Era il 2 dicembre 2015. Eravamo sul divano a dormire con la  nostra bella coperta di pail, quando fui svegliata da qualcosa che era stata poggiata sulla mia pancia. Aprii gli occhi e con grande stupore mi accorsi che Syria aveva partorito il primo cucciolo e lo aveva consegnato a me come un dono. Lo accolsi tra le mani e lo poggiai accanto a lei accarezzandola con  lacrime di gioia. Mi alzai per andare a prendere altre copertine e al mio ritorno, dopo appena 5 minuti, era nato anche l'altro cucciolo. Non trovai nulla di più. Syria aveva pulito tutto e nascondeva i cuccioli dietro i cuscini del divano per timore dei gatti che assistevano con occhi grandi dalla meraviglia. 




I cuccioli, Chicca e Chicco, crescevano a vista d'occhio e la mia carissima amica Ida aveva già deciso di adottare il maschio quando ancora Syria era in attesa. All'età di 2 mesi furono adottati entrambi, il maschietto da Ida e la femminuccia da un'amica di mia figlia.




Chicco è stato fortunatissimo a trovare Ida come mamma e ad avere la compagnia di un altro cane in casa. Non è stato lo stesso per  Chicca  che ha trascorso soltanto 7 mesi con la sua nuova famiglia prima di ritornare a casa mia. Per problemi familiari Chicca mi fu restituita  e l'accolsi in casa nella speranza di trovarle altra adozione ...
   
Terminato il periodo di allattamento, iniziò per Syria il periodo delle cure giuste per mettersi in sesto per poi procedere alla sterilizzazione. E fu proprio durante l'intervento di sterilizzazione che Syria ebbe i primi problemi di coaugulazione  dovuti all'erlichia che evidenziava valori non più bassi. Le terapie iniziarono nell'immediato e da quel momento la sua situazione rimase stazionaria trattandosi di erlichia cronica. 

Intanto Syria divenne la mia ombra, sempre con me ovunque andassi, felicissima e saltellante ogni volta che le dicevo "andiamo", vanitosa con il suo cappottino, sempre in cerca di carezze da parte di tutti. Una cagnolina  dolcissima con l'amore negli occhi e nel cuore. 

       




Durante il mese di novembre 2017, le condizioni di salute di Syria peggiorarono. Gli ultimi esami di laboratorio portavano un preoccupante calo dei globuli rossi per cui fu urgente praticare  trasfusione. La mia cagnolina Sasha fu la sua donatrice  e Syria dopo una settimana si riprese abbastanza. Tutto sembrava andar bene ... ma dopo alcuni mesi e precisamente agli inizi di marzo, la situazione precipitò e Syria fu sottoposta ad altra trasfusione.




Sasha le donò il sangue nuovamente ma la trasfusione non ebbe buon esito. Non riuscirono a fermarsi le micro emorragie interne nonostante le terapie farmacologiche ...




Syria mi ha lasciata oggi, 15 marzo 2018 alle ore 03:15 spegnendosi lentamente come una candela.

 Dolce Syria .....

... oggi voglio ricordarti cosi, dolce e spensierata  come quando NOI ERAVAMO NOI ....  avvolti nelle nostre serate che rimangono come diamanti di gioia nel cuore ... Noi due insieme, in giro così senza una meta con le nostre canzoni a buon volume ... Sempre con me a inseguire le luci della sera o quelle di un tramonto, a respirare il mare d'inverno o l'aria dei freschi mattini d'estate. Noi eravamo noi e tu eri quel piccolo corpicino che saltellava quando dicevo "andiamo", che mi fissava per ore e seguiva ogni mio movimento, ti muovevi orgogliosa di seguirmi ovunque. Abbiamo lottato insieme, contro una malattia che non perdona, fino a quando la luce nei tuoi occhi si è spenta e ho sentito il nostro mondo frantumarsi dentro. Sai che non posso fermarmi, che nonostante tutto dovrò rialzarmi con quel forte dolore che mi opprime .... vorrei uscire con te stasera ....



Sempre nel cuore ....