21 giu 2018

Oltre la neve




















E’ quasi sera,
i rami secchi hanno spolverato sulla terra bruna lievi soffi di neve
e tutto tace nella pace degli ultimi giorni d’inverno.
Lentamente la neve disseta la terra gelida ancora assonnata
sotto il mantello bianco pronto a dileguarsi l’indomani…

Spazi di cielo sbirciano tra le nuvole mosse appena
e nel magico silenzio gli alberi si raccontano tra loro
una storia, poi un’altra, un’altra ancora!
Lungo la strada costeggiata dalla neve si intravedono
orme leggere di passi, invadono il silenzio alcune voci…
ed ecco i loro occhi increduli e persi nel cosmico silenzio,
ecco la neve che scivola dal cuore.

Più nulla di ieri rimane sulla pelle…
Attimi che faranno un altro tempo, un altro spazio…
Niente è più forte di un sorriso, niente è più forte di un abbraccio,
niente più ferisce la pelle, niente è più immenso
di un cuore che batte nell’altro,
di un abbraccio che chiama un altro abbraccio,
degli sguardi che a tratti si sfiorano…

E tutto il paesaggio rimane ammutolito, inerme, colmo di meraviglia.
L’acqua scorre lenta e sembra portar via
le parole non dette negli impercettibili silenzi;
ma i sogni mai raccontati sono lì, sulle pietre malferme assopiti,
prendono forma e vita ad uno ad uno.

Nel magico momento qualcosa come per incanto si trasforma:
uno dei sogni prende vita, incontra un altro sogno un po’ per caso
e le parole incidono il silenzio
mentre il fiume scorre nella valle portando via le fragili inquietudini
ora che il muro di cinta intorno al cuore
lancia tra le acque le sue pietre ad una ad una.

C’è un sorriso che nasce oltre la neve!
Un sorriso che il tempo non plasma
e che rimane negli occhi che si cercano oltre il fiume 
che scorre lentamente sotto il ponte,
oltre le parole e i silenzi…oltre la neve ...