30 ott 2020

Grazie Titti


C'era bisogno della tua allegria, della tua aria così furbetta e intraprendente, delle tue fusa che chiedono e ringraziano... e anche dei tuoi bacetti sul mio naso che alterni ai morsetti sulle dita. 

Due mesi con te e la nostra intesa è perfetta. Ti sei abituata alle mie giornate e quando ritorno amo le tue feste, i tuoi occhi attenti ai miei passi e i tuoi saltelli di gioia tra il tavolo e il divano. 

C'era un gran vuoto, una tristezza infinita e tu mi hai riportato il sorriso di otto mesi fa quando accanto a me c'erano loro, con le loro orecchie attente di fronte ai miei occhi. 

Non auguro a nessuno di lottare inutilmente per la vita di 3 gatti e un cane che nel giro di 8 mesi hanno perso la vita a causa di malattie che non perdonano. Non mi sono ristabilita ed è vero purtroppo.... ma tu mi hai riportato il sorriso e quella zampa sulla mano che tanto mi mancava quando socchiudevo gli occhi. 

Grazie alla nostra amica in comune hai ribaltato i miei giorni e non ti cambierei per nulla al mondo perché sei la Titti, la piccola furbetta coccolona che ogni giorno mi fa sentire viva. 

Grazie Titti 🥰 Tvb


Voce delle foglie ...

Elaborazione grafica by Vito D'Aniello





 

Voglio lasciarti i colori ....

Elaborazione grafica by Vito D'Aniello






 

Sogno che viaggia ....

Elaborazione grafica by Vito D'Aniello






 

20 ott 2020

Non vi perdono!


Un pensiero per te e per quanti come te sono andati via in silenzio, senza un nome e senza un riparo ma con una piccola lacrima che si è fermata lì come la vita, come la delusione, come il battito, come il fiato.

Se hai un briciolo di empatia, in questi occhi ci leggi di tutto e la sua sofferenza la senti dentro come una morsa che stringe. Sono occhi che ci scalfiscono l'anima. Io non vi perdono!

Mai perdonerò chi uccide!




15 set 2020

Aria che si tocca

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E' un'aria che si respira
e si tocca  quasi
quella di un settembre appena nato
tra l'asfalto e il cielo.
Cammino
senza contare i passi
con gli occhi nel vento
e le mani in tasca
lungo questa strada deserta
che non porta a nulla.
Vorrei ritrovare
il profumo dei boschi
e le foglie cadute
sui piedi nudi e sicuri
lungo le sponde del ruscello.
Vorrei addormentarmi
con gli occhi persi 
oltre nuvole buffe e bizzarri rami 
che ricamano il cielo
senza un pensiero
senza un sogno
senza un'attesa.
E' un'aria che si respira
e si tocca quasi 
quella di un settembre
appena nato.
 


10 set 2020

Per te oltre l'arcobaleno


Enrichetta, mio dolce amore, riesco a scrivere di te soltanto adesso e non nego che lo faccio con il dolore di chi non riesce a realizzare tutto questo. Non ci sei più ... è il 7 settembre, mi hai lasciata scioccata e messa alla prova anche tu  con un peso sul cuore che mi opprime. Non ho più lacrime da versare, ne ho lasciate cadere tante senza asciugarle. Mi sento sempre più impotente e sconfitta. Mi manchi. Il tuo dolore rimane impresso dentro di me è come un laccio che stringe, non mi rimane nulla di te se non la tua ultima sofferenza durata appena un giorno. 

Due giorni fa passeggiavi in giardino e ti addormentavi all’ombra mentre me ne stavo distesa sulla sdraio. Mi sei stata accanto come sempre mentre potavo i rami secchi e nel pomeriggio abbiamo dormito insieme sul divano. Tutto normale, tutto come ogni sabato! La domenica mattina siamo state insieme in giardino e mentre giocavo  con gli altri cani  tu abbaiavi alle galline nel recinto. Nel primo pomeriggio ti sei sentita male improvvisamente, respiravi con fatica e non riuscivi a stare in piedi. Ti ho portata immediatamente in clinica ... situazione disperata. Lunedì mattina mi hanno chiamata dalla clinica perchè non c'erano speranze ... ho dovuto decidere di farti addormentarti a causa delle tue sofferenze insopportabili e incurabili. "E’ molto anziana, ha oltre 15 anni" mi ripetevano i veterinari  "la dilatazione e la torsione gastrica è molto frequente alla loro età e purtroppo ogni intervento chirurgico risulterebbe rischioso. Dalla radiografia risultano diverse masse tumorali e non abbiamo speranze … bisogna addormentarla."

Non mi sono mai sentita così perdente! Ti sono stata accanto con le mie carezze e le mie lacrime che ti bagnavano il musetto. Ti ho supplicata di non lasciarmi quella decisione straziante, ti ho chiesto "perché?" …. ma tu respiravi a fatica … all’improvviso hai alzato la testa e hai ululato come quando mi salutavi mentre aprivo il cancello al mio rientro a casa.   Mi stavi salutando l’ultima volta.

Non ti ho chiesto di perdonare chi ti sfruttata per la caccia per lunghi 13 anni per poi abbandonarti cieca, sorda e con metastasi. Io non lo perdonerò mai. Ti ho chiesto di perdonarmi per non essere riuscita a donarti più tempo di quello che riuscivo a dedicarti. Ho voluto donarti una nuova vita sperando che sarebbero stati lunghi gli anni da trascorrere insieme, ma non è stato così. In questi due anni hai saputo donarmi tanto amore con la tua presenza costante, sei stata la mammina perfetta per le gattine Sara e Manu che cercavano sempre le tue coccole per addormentarsi. Avrei voluto vivere ancora qualche anno con te, in fondo, non chiedevo l'impossibile ... ma una forza maggiore ha deciso per noi.

Ricorderò le nostre serate in giardino, i momenti in cui ti parlavo delle mele che erano maturate sull’albero,  delle tortore che sbirciavano dai rami  e di Simba che si addormentava al sole nonostante il caldo di agosto. Ti piaceva ascoltare la mia voce che descriveva ciò che non potevi vedere. Te ne stavi tranquilla come una bimba, con gli occhi chiusi e la testolina poggiata sulle mie ginocchia. Mi sentivo serena e rilassata con te, felice di poterti donare il mio amore e il mio tempo, non eri un impegno ma un dono prezioso arrivato dal Cielo.  Eri il mio angelo custode. Ogni sera quando mi distendevo sul letto mi davi la buonanotte annusandomi dalla testa ai piedi prima di accucciarti accanto a me. Mi manca  il ticchettìo delle tue zampe sul pavimento, il tuo sguardo perso nel vuoto,  la tua prima volta al mare, la tua prima volta in campagna, la tua testolina sulle mie gambe  e le brevissime passeggiate per quel gelato al limone che ti piaceva tanto.

Voglio sognare che ora corri felice con i tuoi occhi nuovi …. Ci ritroveremo oltre l’arcobaleno, oltre le nuvole sfilacciate o panciute, oltre la luce delle stelle … e avrò tanto da raccontarti. 

 





























 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...